CAPPUCCIO Se si usa una muta senza cappuccio (solitamente le 3 mm estive) vale la pena di averne uno dietro nel caso si incappasse in una corrente fredda o se si volesse utilizzare la muta leggera nei periodi autunnali o alla fine della primavera/inizio estate. Bisogna ricordarsi che la testa è uno dei punti di maggiore dispersione del calore: quasi il 30%.

MASCHERA Il materiale della maschera deve essere il silicone (silicone nero nella foto), l’importante è che si adatti alla nostra conformazione del viso: basta premere la maschera contro il viso e vedere se resta in posizione qualche secondo prima di staccarsi (fate la prova senza baffi o barba incolta e ovviamente non dovete tenerla con le mani). Ricordarsi, appena acquistata, di lavarla tutta con il dentifricio, con particolare insistenza sui vetri, onde evitare appannamenti continui.

AERATORE In inglese snorkel. La parte del boccaglio deve essere in silicone (morbido ed anallergico) ed il tubo non deve essere corrugato per evitare di trattenere l’acqua che dopo lo svuotamento comincia a gorgogliare quando si respira. Quelli con la valvola di scarico bassa (foto dx) possono essere una buona idea proprio per eliminare completamente l’acqua.

GIUBBETTO Ottimo per riposarsi o per nuotare con la testa fuori dall’acqua stando semi appoggiati allo zaino galleggiante. Ottimo anche per le situazioni di emergenza nel caso si debba portare soccorso ad un compagno: se lo indossano sia il soccorritore che il soccorso si ha la situazione ideale.

MUTA Per l’estate e buona parte dell’autunno conviene utilizzare una muta monopezzo da 3-3,5 mm senza cappuccio (almeno di non trovarsi in mari particolarmente freddi) . Per l’inverno e la primavera si deve passare ad una muta da 5 mm mono- o a due pezzi con cappuccio integrato. In autunno si può integrare eventualmente una 3 mm con un corpetto da 2 mm per la protezione del tronco.

CINTURA SUB Serve per per legarci il cordino di traino dello zaino galleggiante (almeno che non si usi un imbraco alto). Per chi volesse utilizzare i pesi (ma lo sconsiglio) con una muta da 3 mm dovrebbero bastare 2-3 kg, per una 5 mm ci possono volere anche 5-6 kg: chi si limita a fare snorkeling e a nuotare guardando dall’alto può farne a meno.

GUANTI Servono a proteggersi dal freddo e da piccole ferite e/o animali urticanti in generale. Da usare anche d’estate.

TORCIA Per chi si immerge in apnea ed è curioso di vedere cosa c’è sotto i sassi. Utilissima se si entra in una grotta costiera per guardarsi un po’ intorno.

CALZARI I piedi vanno protetti dal freddo e dalle piccole ferite. Da usare anche d’estate. Si suddividono in due tipi:

1- calzari normali senza suola (foto sx) da indossare con le pinne a scarpetta, non sono comodissimi per camminare ma offrono comunque una certa protezione;

2- calzari a scarpetta con suola (foto dx) da usare con pinne a lacciolo regolabile, ci si cammina benissimo.

PINNE Si suddividono in due tipi:

1- pinne a scarpetta chiusa (foto sx): sono le migliori per lo snorkeling e l’apnea in generale. Vanno comprate di un misura un po’ più grande per essere indossate con il calzare.

2- pinne a lacciolo regolabile (foto dx): sono più adatte per l’immersione con le bombole anche se permettono (è anzi obbligatorio) l’uso della scarpetta. Tendono ad essere molto faticose e a “sciaguattare” se usate per lo snorkeling.